Accompagnamento al lavoro


Questa azione, rivolta sia agli utenti che sono stati avviati ad una Working Experience sia a quelli che possono accedere direttamente ad un inserimento lavorativo, si fonda sul principio della centralità della persona, che viene quindi considerata come soggetto attivo, da considerare nella sua globalità e complessità, e a cui sarà proposto un processo di riattivazione basato sull’instaurazione di un rapporto costante e fiduciario tra beneficiario e operatore.
Il destinatario verrà assistito individualmente da orientatori/esperti di orientamento con esperienza almeno biennale che sapranno supportarlo fin dalle prime fasi della ricerca attiva del lavoro (stesura di CV e lettera di presentazione), anche con simulazione di un colloquio di lavoro. Attraverso simulazioni ed esercitazioni verranno sperimentati gli strumenti quali il CV, il colloquio di lavoro, la risposta agli annunci, la candidatura spontanea, la lettera di presentazione e la telefonata conoscitiva concretizzando così domanda e offerta. Tale attività risulterà essere fondamentale in caso di assunzione del partecipante, a seguito del percorso di Work Experience.
Nello specifico, attraverso lo strumento dell’accompagnamento al lavoro si intende realizzare un’attività di affiancamento e supporto al destinatario che risponde a due differenti finalità:

  • ACCOMPAGNAMENTO NELLA RICERCA ATTIVA DEL LAVORO
    Si intende supportare l’utente nella definizione di un piano di ricerca attiva del lavoro, incrementando le capacità personali e rafforzando anche le capacità di gestione in autonomia del percorso di ricerca.Tale attività è principalmente finalizzata a:
    – Supportare il destinatario nella definizione di un progetto professionale (o ridefinizione a seguito di work-experience);
    – Individuare le diverse opportunità professionali e lavorative attraverso la promozione e l’invio della candidatura;
    – Sostenere l’utente prima della partecipazione a colloqui di selezione.
  • ACCOMPAGNAMENTO NELLA PRIMA FASE DI INSERIMENTO NEL NUOVO CONTESTO LAVORATIVO (TUTORING)
    Parte dell’attività di accompagnamento al lavoro dovrà essere dedicata a realizzare un’attività di tutoraggio che faciliti l’inserimento nelle diverse realtà aziendali.
    Nel caso di percorsi di mobilità professionale il soggetto proponente dovrà assicurare un adeguato accompagnamento al lavoro,monitorando l’andamento dell’esperienza lungo tutta la durata temporale della stessa; attraverso colloqui a distanza con l’azienda titolare della vacancy e il destinatario assunto. Tali colloqui potranno avvalersi delle moderne tecnologie dell’informazione (ad es. e-mail, social network, video conferenza, piattaforme di comunicazione, ecc.) e andranno opportunamente tracciati.

 

Work Experience

La Work Experience rappresenta sia un valido strumento per un aggiornamento delle competenze che, per gli utenti che devono reinserirsi dopo una lunga assenza dal mercato del lavoro dovuta per lo più a ragioni familiari, un’occasione unica per entrare in contatto con aziende che difficilmente prenderebbero in considerazione i loro profili attraverso i normali canali di incontro domanda/offerta di lavoro.

Al fine di assicurare maggiori risultati, l’attivazione delle Work Experience sarà affidata dall’ente capofila ai partner secondo un criterio di tipo territoriale.

In particolare, su Genova 1:
Xelon sinergetica, organismo formativo con una forte specializzazione nell’orientamento al lavoro e reinserimento lavorativo di donne, si occuperà dell’attivazione di Working Experience di utenti donne con scarsa specializzazione e necessità di riaggiornamento professionale in ambito amministrativo/segretariale, ristorazione, socio-sanitario, commercio.
LGA, agenzia per il lavoro specializzata in Head Hunting, Ricerca e Selezione del personale , Executive Search, Outplacement si occuperà dell’attivazione di Working Experience per i profili più alti in ambito impiegatizio (compresi quadri e dirigenti)
Formamentis, organismo formativo, metterà a disposizione i suoi contatti con le numerose aziende clienti in ambito ICT e marittimo portuale
Eurointerim, agenzia per il lavoro, si occuperà dell’attivazione di w.e. in ambito manifatturiero/operaio.

L’attività inizia con la presa in carico formale dell’utente da parte del soggetto partner, la presentazione dell’utente da parte dell’orientatore e con la firma del patto di servizio che contiene l’esplicitazione degli obiettivi, delle modalità e dei tempi dell’intervento.

Se entro un mese dalla presa in carico dell’utente, il soggetto partner ritiene di avere difficoltà ad abbinarlo ad un’azienda, si rivolge all’ente capofila che presenta il dossier del candidato agli altri soggetti, al fine di migliorare il servizio all’utente

Lo staff indivuato dall’ATS preposto all’attivazione delle work-experience si occuperà di relazionarsi con le organizzazioni e con le imprese interessate ad ospitare tirocinanti; adempirà alle procedure relative al convenzionamento tra Ente ospitante ed Ente promotore; fornirà assistenza all’azienda ospitante per le pratiche amministrative connesse al tirocinio e per la redazione del progetto formativo; monitorerà l’andamento del tirocinio in itinere (una visita al mese, salvo necessità diverse), mantenendo contatti con il tutor aziendale e con il tirocinante ed acquisirà dall’azienda ospitante e dal tirocinante un follow up della esperienza di tirocinio (all’azienda verrà richiesta la compilazione della certificazione delle competenze acquisite dal partecipanti e al tirocinante, in un colloquio individuale, si chiederà il bilancio dell’esperienza)

Gli operatori adibiti a questo servizio lavoreranno in stretto contatto e coordinandosi con le orientatrici che hanno seguito l’utente nella fase di orientamento specialistico.

L’attivazione delle Working Experience avverrà in funzione di quanto previsto dalla disciplina regionale dei tirocini formativi e di orientamento, dei tirocini di inserimento e reinserimento lavorativo e dei tirocini estivi in attuazione dell’art. 35 della L. R. 30/2008 approvata con deliberazione 1052/2013